Organizzatori e istituzioni Sponsor Partners Media partners Social link

Svelamenti

 

Il gioco rituale della maschera è connaturato alla pratica teatrale. Di più: è parte della natura dell’essere umano e ne determina sotto molti aspetti il suo agire sociale. Prendere come filo conduttore per un festival teatrale lo svelamento dell’identità è interessante quindi se non ci si limita a considerare la maschera come oggetto scenico, ma se si allarga il campo a tutti i possibili modi con cui si può celare l’identità per svelare qualcosa di sé, in scena e nella vita quotidiana.

Sotto questo profilo uno dei temi più sensibili oggi è quello del cosiddetto velo islamico e quindi del ruolo della donna nelle società musulmane. Esso è all’origine del nostro percorso tematico “Svelamenti”. Con due spettacoli che lo affrontano direttamente (“La même” e “Do you know Schubiduwah?”) e due che trattano temi correlati (“Blinded” e “Zig Zig”). Ma velare l’identità fa parte anche della cultura occidentale, sia che la si osservi sotto il profilo religioso (“La semplicità ingannata”) o dei mascheramenti tradizionali (“Macbettu” e “Dahü - Studio”), sia che la si consideri in chiave contemporanea (“Io sono un’altra”, “Still Leben”).

Fin dalla sua nascita Territori è stato attento all’attualità, con uno sguardo particolare per l’area del Mediterraneo. Così è anche qust’anno. L’attualità irrompe in Territori ’17 di nuovo con il tema delle migrazioni (“Da questa parte del mare”) ma anche con quello della violenza cieca e indiscriminata (“Intorno a Ifigenia, liberata” e “Terrore”). E il Mediterraneo è rappresentato da terre con storie e culture millenarie, dalla Sardegna all’Egitto, dalla Palestina fino al più lontano Iran. Perché anche Bellinzona sa essere al cuore del mondo.

 

Gianfranco Helbling
direttore Teatro Sociale Bellinzona

 

004

Teatro Sociale Bellinzona

Piazza Governo 11
cp 2706
CH - 6500 Bellinzona (Svizzera)
Tel. 0041 (0)91 820 24 42
info@teatrosociale.ch
www.teatrosociale.ch
www.facebook.com/teatrosociale